Per gli operatori sanitari

Informazioni generali

La stomia

Dopo l'intervento la principale preoccupazione per tutte le persone stomizzate, che siano colostomizzate, ileostomizzate o urostomizzate, deve essere mantenere integra la cute peristomale. La scelta del sistema di raccolta più adatto alle esigenze di ogni singola persona, pertanto, riveste un ruolo fondamentale. In questa sezione troverai una panoramica sui tipi di stomia.

È importante che gli effluenti non entrino a contatto con la cute, per evitare che possano danneggiarla. Questo è ancora più importante in caso di ileostomia e urostomia, poiché gli effluenti liquidi e le urine sono particolarmente aggressivi per la cute. Nella scelta del sistema di raccolta, pertanto, è importante che la barriera cutanea si adatti alla forma e alle dimensioni della stomia, proteggendo la cute, e che la sacca offra il comfort e la discrezione necessari.

La stomia non ha terminazioni nervose e quindi non provoca dolore. In alcuni casi, tuttavia, potrebbe sanguinare leggermente se sfregata o irritata.

Diversi tipi di stomia:

  • Stomia estroflessa
  • Stomia piana
  • Stomia retratta

Healthy skin

Durante l'intervento il chirurgo confeziona la stomia che dovrebbe sporgere dal piano cutaneo (stomia estroflessa). Questo permette una corretta gestione dello stoma, grazie all'uso di una barriera cutanea che aiuti a proteggere la cute peristomale. Per chi vive con una stomia estroflessa, l'obiettivo è ridurre il rischio di infiltrazioni, evitando che si creino spazi vuoti tra la placca e la stomia, proteggendo la cute e mantenendola integra.

Gestire una stomia estroflessa è relativamente semplice. Esistono, invece, due tipi di stomia particolarmente complicati da gestire: quella piana e quella retratta.

Obiettivo nella gestione:
Ridurre il rischio di infiltrazioni proteggendo la cute peristomale con l'utilizzo del sistema di raccolta più adatto alle esigenze del paziente.

flushstoma_m.jpg

A differenza della stomia estroflessa, questo tipo di stomia non sporge dal piano cutaneo. Come suggerisce il nome, si presenta allo stesso livello della cute dell'addome. Questo tipo di stomia può essere confezionata così dal principio, o potrebbe verificarsi successivamente a modifiche della conformazione addominale.

Per gestire una stomia piana, è indicato utilizzare un prodotto convesso, che eserciti una lieve pressione sul piano cutaneo al fine di far fuoriuscire la stomia.

Obiettivo nella gestione:
Superare le difficoltà derivanti dalla mancata sporgenza della stomia, utilizzando un prodotto convesso che faciliti la gestione dello stoma.

retractedstoma_m.jpg

Quando la stomia "rientra" all'interno del piano cutaneo, si parla di stomia retratta. Questo può accadere a seguito di un nuovo intervento chirurgico, variazioni di peso o altre circostanze che provocano modifiche della conformazione addominale.

Come nel caso della stomia piana, è consigliato l'utilizzo di un sistema di raccolta convesso che favorisca la protrusione della stomia e ne semplifichi la gestione.

Management Goal:
Superare le difficoltà derivanti dalla mancata sporgenza della stomia, utilizzando un prodotto convesso che faciliti la gestione dello stoma.

Per qualsiasi ulteriore informazione, non esitare a contattarci al numero verde gratuito 800.930.930

Accessori per stomia


Gli accessori sono preziosi alleati nella gestione della stomia, poiché aiutano a proteggere la cute dal contatto con gli effluenti. Ognuno risponde a esigenze specifiche: scopri questi prodotti che ConvaTec mette a tua disposizione.

  • Pasta Stomahesive®
  • Polvere Stomahesive®
  • Anello Stomahesive®

La Pasta Stomahesive® aiuta a livellare le irregolarità cutanee favorendo la tenuta del sistema di raccolta.

Come applicare la pasta:
Stendere la pasta con il dito inumidito per livellare eventuali irregolarità della cute e/o riempire pieghe cutanee. Poiché contiene alcool, attendi qualche istante che la componente alcolica evapori prima di applicare il sistema di raccolta.

Stomahesive -paste _s

Applicazione scorretta:
Non applicare in questo modo!

Stomahesive -paste _s

Importante:
Solo per uso esterno: non applicare su una lesione o su un'ulcera.

 Stomahesive -paste _s

In caso di lievi alterazioni cutanee, adoperare la polvere Stomahesive®. Assorbe l'essudato e aiuta a prevenire le alterazioni cutanee. Se ne applichi troppa, è sufficiente soffiare via la quantità in eccesso. (Non contiene lattice.)


Applica la polveresulla cute peristomale 

Stomahesive -paste _s

Applica la barriera cutanea

Powder -appl 2_s

  Stomahesive -paste _s    

Questo accessorio può essere modellato a piacimento in base alle diverse esigenze. A contatto con l'umidità dell'area peristomale, gelifica e si gonfia, offrendo un'elevata protezione cutanea. Sigilla i contorni della stomia proteggendo la cute dal contatto con gli effluenti, isolando la cute peristomale e, qualora presenti, favorendo la guarigione di alterazioni cutanee.

Ci sono diversi modi di utilizzare l'anello Stomahesive®.* È possibile:

Stretch to fit around the stoma
Remove the release paper from both sides of the seal and shape or stretch to fit. The seal may be cut and rejoined to fit around difficult sites. Then place the seal on the patient's body and carefully mold it, making sure you have a snug fit around the stoma.

Stomahesive -paste _s

Apply directly to the pouching system.
Remove the release paper then mold to the desired shape directly on the skin barrier or pouching system.

Stomahesive -paste _s

Fill in uneven areas.
Remove the release paper from both sides of the seal, break the seal into smaller pieces, and roll or mold. You can cut and rejoin the seal as necessary.

Stomahesive -paste _s

*See package inserts for complete instructions for use.

Useful Facts:
Suitable for all types of ostomies. Depending on personal preferences, can be warmed by body heat (in the hands) before use for increased workability

Gestire le alterazioni cutanee


Molte persone stomizzate soffrono di alterazioni della cute peristomale, che rappresentano un'ulteriore sfida nella gestione della stomia. Di seguito troverai alcune delle complicanze più frequenti. Cliccando su ciascun link troverai la descrizione dei sintomi e alcune indicazioni per il trattamento.

Micosi

Descrizione/Cause:

Infiltrazioni, sudorazione, terapia antiobitica o lacerazione della pelle.

Sintomi:

  • Prurito, pelle arrossata e gonfia.
  • Infezione potenziale della vagina, della bocca o dell'intestino

Dermatiti allergiche da contatto

Descrizione/Cause:

Esposizione a materiali e a sostanze chimiche che irritano la pelle a contatto (ad es. cerotto, barriere cutanee, sapone, adesivi, polveri, paste o materiale della sacca).

Sintomi:

  • Arrossamento
  • Irritazione nella zona coperta o trattata da un prodotto
  • Allergie frequenti.

Dermatite irritativa

Descrizione/Cause:

IContatto con feci o urina, solitamente dovuta ad infiltrazioni tra dispositivo e stoma.

Sintomi:

  • Cute arrossata
  • Dolore
  • Presenza di essudato

Iperplasia o lesioni pseudoverrucose)

Descrizione/Cause:

Esposizione cronica della pelle alle urine.

Sintomi:

  • Dolore
  • Zone ingrossate dal colore variabile da bianco a grigio chiaro, rosso scuro o marroni, in prossimità dello stoma 
  • Può causare sanguinamento
  • Possibile formazione di tessuto granuleggiante

Follicoliti

Descrizione/Cause:

Infiammazione dei follicoli piliferi, solitamente causata da un'infezione da stafilococco, dovuta alla rimozione traumatica dei peli della cute peristomale.

Sintomi:

  • Arrossamento, pustole, o zone infette alla base dei follicoli piliferi

Ulcera da pressione

Descrizione/Cause:

Pressione eccessiva esercitata da una cintura addominale per stomia o da un dispositivo rigido.

Sintomi:

  • Dolore o sanguinamento
  • Ulcere
  • Infiltrazioni
  • Scarsa tenuta del sistema di raccolta

Psoriasi

Descrizione/Cause:

Un disturbo cutaneo diffuso, che può verificarsi sotto i sistemi di raccolta e le barriere cutanee.

Sintomi:

  • Chiazze biancastre e squamose 
  • Prurito
  • Lacerazioni

Pioderma gangrenoso

Descrizione/Cause:

Una malattia cutanea associata a patologie infiammatorie dell'intestino come il morbo di Crohn e le coliti ulcerose.

Sintomi:

  • Ulcere infette e dolorose dalla forma irregolare, con bordi rilevati, dal rosso al violaceo. Possono essere adiacenti allo stoma o in altra posizione

Caput Medusae

Descrizione/Cause:

Discolorazione della cute dovuta all'ingrossamento delle vene paraombelicali e visibili a livello cutaneo (varici peristomali).

Sintomi:

  • Variazione di colore blu/violaceo dell'area peristomale che quando diventa bianca, mostra delle varici irregolari